che differenza c’è tra manager a tempo e consulente?

0 comments

Come sapete, la nostra struttura può operare sia in temporary management che in consulenza. Ma dal momento che spesso ci viene chiesto quali sono le differenze dei due servizi, abbiamo pensato di condensarli in poche righe che auspichiamo anche esaustive.

Il manager a tempo entra nella vita aziendale come responsabile di progetto per cui ha poteri e deleghe. Dall’idea (generazione o perfezionamento) alla sua fase realizzativa, che viene condotta personalmente e coordinando risorse di cui ha responsabilità.

Il consulente non entra nella vita aziendale perchè presenta un piano strategico, ma lascia al committente la sua esecuzione senza responsabilità sul risultato.

3 elementi differenzianti fra Temporary Management vs Consulting:

  • la capacità anche di esecuzione
  • le attitudini relazionali, motivazioni, competenze e leadership perchè deve entrare nella vita aziendale
  • le deleghe operative connesse per raggiungere gli obiettivi definiti

 

Quale scegliere?

Se non avete le idee chiare, sappiate che esiste la terza via ForzaVendis: noi proponiamo sempre di partire con una consulenza per identificare e definire una serie di azioni da intraprendere per raggiungere un dato obiettivo e identificare le leve critiche su cui l’intervento stesso dovrebbe operare.

Solo se il progetto è approvato, proponiamo il temporary management come colui che implementa quanto suggerito dalla fase consulenziale, il quale a sua volta può affiancare il Temporary Manager.

Share This: